DWQA QuestionsCategoria: Cimiteri ParticolariCimitero per animali in mancanza di normativa regionale
admin Staff ha scritto 4 anni fa

In assenza di norme regionali (Calabria) qual e’ l’iter per avviare tale attivita’ comprendente anche la cremazione?

Privato 

3 Risposte
admin Staff ha risposto 1 anno fa

La redazione says:

In mancanza di normativa regionale la possibilità di mettere in funzione un cimitero per animali può essere diversa se si pensa di gestire solo le ceneri di animali trattate in un inceneritore oppure anche di interrare carcasse di animali.
Nel primo caso c’è la possibilità sicura di poterlo fare, nel secondo caso ci potrebbero essere degli intoppi derivanti dall’interpretazione della normativa da parte del Comune o degli Enti Preposti alle autorizzazioni sanitarie.
In entrambi i casi indispensabile che l’Amministrazione comunale accetti la messa in funzione di un cimitero per animali, che nel caso di gestione di sole ceneri può assumere la veste di “Custodia di ceneri”. Si deve in ogni caso chiedere la concessione edilizia.
Per la localizzazione, specie se si vuole associarci anche un impianto di incenerimento, si tratta di aree a destinazione industriale – artigianale, salvo che l’Amministrazione non dichiari il cimitero per animali struttura di pubblica utilità, nel qual caso è possibile derogare al piano regolatore anche in zona agricola. Esclusa l’area urbanizzata e in ogni caso ci dovranno essere almeno 50 metri dalle abitazioni più vicine.
La trattazione estesa del quesito è complessa e si rinvia alla risposta completa e relativi riferimenti.

admin Staff ha risposto 1 anno fa

De Fazio says:

come si deve procedere in assenza di leggi regionali (Calabria) per richiedere le autorizzazioni per avviare l’attività in oggetto, esclusa cremazione?
Qui in Calabria è presente un altro cimitero, avviato con il patrocinio dell’assessorato all’ambiente.

admin Staff ha risposto 1 anno fa

La redazione a De Fazio says:

Ribadendo la risposta precedente, bisogna prima di tutto interfacciarsi con l’Amministrazione interessata per verificare se è disponibile a modificare il Piano Regolatore Cimiteriale inserendo questa struttura dopo averla classificata di pubblica utilità.
Si presenta un progetto-proposta all’Amministrazione che rispetti anche gli aspetti igienico sanitari chiedendo la concessione, e si chiede il parere favorevole dell’Azienda Sanitaria Locale.
Di fronte ad una proposta progettuale che l’Amministrazione ritiene di pubblica utilità, e al parere favorevole dell’ASL, il Comune adegua il Piano regolatore modificando la destinazione d’uso dell’area interessata e approva il progetto con concessione edilizia.
Una volta approvato il progetto si può procedere.
Conviene comunque informarsi delle procedure utilizzate nel caso precedente andando direttamente dall’Assessore all’Ambiente regionale, sa abbiamo capito bene.